.

isolapulita
comitato cittadino di isola delle femmine


Diario


15 ottobre 2009

Mafia Carini Capaci Isola delle Femmine e dintorni

 

Mafia Carini Capaci Isola delle Femmine e dintorni

Comuni sciolti per mafia 25 09 09
Uploaded by isolapulita. - News videos from around the world.






Stangata al clan Lo Piccolo in cella boss e insospettabili


Repubblica — 26 gennaio 2007 pagina 2 sezione: PALERMO


Per un paio di mucche e una decina di forme di caciocavallo rubate da una masseria di Torretta, nel 2003 stava scoppiando una vera e propria guerra di mafia tra i "pezzi da novanta" di Palermo, Carini e Torretta. Una guerra che fu scongiurata grazie all' intervento del numero due di Cosa nostra, il latitante Salvatore Lo Piccolo, definito dai boss «la testa dell' acqua», e forse anche di Bernardo Provenzano, che chiamavano «l' alto dei cieli». è stato ascoltando questa e altre conversazioni che un ex vice capo della Mobile e la moglie, funzionario della sezione Misure di prevenzione della questura, hanno fatto partire l' inchiesta denominata "Occidente" che ieri si è conclusa con una retata della squadra mobile. Quarantasei le persone arrestate o raggiunte in carcere da un' ordinanza di custodia cautelare: boss, picciotti, imprenditori che gestivano piccoli e grandi affari in una vasta zona del Palermitano, dalla borgata di San Lorenzo fino a Carini. Nell' inchiesta seguita da vicino dal questore Giuseppe Caruso, che in questi mesi ha inanellato una serie di colpi contro la criminalità organizzata a cominciare dall' arresto di Provenzano, è finito anche un insospettabile ragioniere commercialista, Girolamo La Porta, 59 anni, che aiutava le cosche a riciclare le grandi somme provenienti dalle attività illegali. Il suo studio di Partanna Mondello è stato perquisito da cima a fondo, e tra le carte gli investigatori hanno trovato tracce del riciclaggio e degli affari conclusi anche al Tribunale fallimentare, dove amici degli amici segnalavano e forse anche truccavano le vendite di aziende, terreni e fabbricati che finivano poi a prezzi stracciati nelle mani dei boss. Indagato anche il boss latitante Vito Roberto Palazzolo, da anni in Sudafrica. Le imprese fino a ieri "pulite" operavano nei settori dell' edilizia e dei trasporti: nel mirino sono finiti esercizi commerciali di alimentari e di elettronica assieme a depositi bancari e beni immobili, tra i quali un vasto appezzamento di terreno sul quale è in costruzione un complesso turistico-alberghiero. Un patrimonio, quello finora individuato, che è stato sequestrato dalla polizia. Ma accanto all' attività imprenditoriale, c' erano anche le estorsioni ai danni di imprenditori estranei a Cosa nostra, alcuni dei quali hanno costruito quella piccola città che sta sorgendo a Villagrazia di Carini, in prossimità dell' autostrada per Punta Raisi. Le indagini della squadra mobile, coordinate dal procuratore aggiunto della Dda Alfredo Morvillo e dai sostituti Annamaria Picozzi, Domenico Gozzo e Gaetano Paci, hanno mostrato che alcuni imprenditori, arrestati nel blitz, assumevano fittiziamente la titolarità di beni e attività, in realtà di proprietà di mafiosi. In alcuni casi gli imprenditori avevano costituito con i boss vere e proprie società di fatto. Tra gli arrestati vecchi cognomi mafiosi, come quelli dei Gallina, degli Sparacio, dei Bruno, dei Pipitone, dei Biondo e dei Biondino ma anche incensurati o personaggi con preecedenti di piccolo spessore, come Angelo Conigliaro, l' anziano che si è rivelato un vero boss. Seguendo la pista della guerra di mafia che stava per scoppiare tra le cosche per una serie di furti di mucche e caciocavalli, intercettata in diretta dagli investigatori, si è scoperto che la "pace" e le successive riunioni per decidere la spartizione degli affari avevano come scenario due ristoranti: "La locanda di San Giorgio", nei pressi della stazione ferroviaria di Carini, e il "Vecchio Mulino", a Torretta. Addirittura, per stare più tranquilli e senza essere disturbati da orecchie e occhi indiscreti, il giorno della "pace" fu requisito il ristorante "Vecchio Mulino", dove una trentina di boss si riunirono per sotterrare l' ascia di guerra. «Scene da vecchia mafia americana - racconta un investigatore che ha partecipato alle indagini - summit con tanto di boss che giungevano sul posto a bordo di automobili guidate da autisti personali che poi controllavano la zona circostante. - FRANCESCO VIVIANO

http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2007/01/26/stangata-al-clan-lo-piccolo-in-cella.html

Un esercito di imprenditori prima vittime e poi complici

Repubblica — 26 gennaio 2007 pagina 2 sezione: PALERMO


Il tesoro di Salvatore Lo Piccolo, il padrino più potente della città, ricercato da 23 anni, era custodito da una schiera di insospettabili imprenditori, che erano prestanome e riciclatori. Eppure, un tempo pagavano anche loro il pizzo. «Ritenendo di poter lavorare meglio si sono trasformati da vittime in carnefici»: così i pm Domenico Gozzo, Gaetano Paci e Annamaria Picozzi hanno voluto introdurre le mille pagine dell' atto d' accusa. Quegli imprenditori si sono prestati a costituire società di fatto con i mafiosi, «finendo persino per commettere estorsioni ai danni dei loro colleghi», spiegano i magistrati. Le cimici della squadra mobile hanno svelato molti segreti. Poi approfonditi dalla sezione Misure di prevenzione della questura, diretta da Sara Fascina. Il tesoro era in 26 società, che operavano soprattutto nel settore edile. Con i conti bancari e gli immobili il sequestro ammonta a 16 milioni di euro. L' imprenditore Lorenzo Altadonna era il più attivo: i mafiosi di Carini gli avevano messo in mano moltissimi soldi per la realizzazione di un complesso turistico a Villagrazia, in contrada Predicatore. Il terreno di 160 mila metri quadrati risultava già disponibile, il progetto era pronto, soldi sarebbero arrivati anche da «Roberto l' africano». Secondo le indagini si tratta di Vito Roberto Palazzolo, il manager latitante in Sudafrica. Altadonna non aveva problemi a gestire grandi e piccoli investimenti, a disposizione aveva la ditta sua e della moglie, Pierina Fiorello. Poi, ancora, l' Azzurra costruzioni, la Edil Carini e la Pcn srl. Tutte sequestrate. L' ultima idea di Altadonna era di comprare capannoni alle aste fallimentari. Naturalmente con i soldi di Lo Piccolo. Francesco Sparacio era specializzato nei trasporti. Era il vettore di riferimento dei supermercati Sisa. Adesso anche la sua ditta verrà gestita da un amministratore giudiziario, perché i magistrati hanno il sospetto che fosse un altro investimento del clan. Il padrino più autorevole, Vincenzo Pipitone, credeva molto nel settore. Entrava e usciva dalla Tnt come fosse di casa: «Vieni da me», gli diceva Gioacchino Sapienza, anche se non era il titolare dell' azienda. Ma Sapienza era una vera autorità con le sue quattro società. Però i padrini del mandamento di Lo Piccolo continuavano a preferire la tradizione: ecco perché erano stati reclutati altri prestanome per l' edilizia. Saverio Privitera aveva messo a disposizione la Oirevas costruzioni. Giovanni Cataldo aveva messo sul piatto degli investimenti mafiosi due società. Secondo la ricostruzione della Procura, sarebbe stato ricompensato a dovere. Ma da qualche tempo, ormai, i mafiosi avevano cominciato a sentire puzza di indagini. E avevano diversificato gli investimenti per ripulire i capitali. Le indagini della polizia e le verifiche del nucleo speciale di polizia valutaria della Finanza hanno evidenziato un giro strano e vorticoso di transazioni fra società che si occupano di elettronica e informatica. Il gruppo di imprenditori che le gestivano sarebbero stati a completa disposizione della "famiglia" di Carini. Anche loro insospettabili: Giorgio Iaquinoto, con la Giellei Electro trading, che ha sedi a Castelvetrano, Ragusa e Marsala; Vincenzo Curulli, intestatario di due ditte; Michele Cardinale, con la Roma electro service. A Palermo i prestanome non sono mai mancati. Andrea Bruno, in carcere per mafia, faceva gestire la sua Salumeria Doc, in via Caduti sul lavoro, a Davide Pedalino, anche lui finito in manette per questa e un' altra intestazione fittizia (alcune quote della trattoria Quattro fari di viale Regione Siciliana 2645). Pure l' imprenditore Giuseppe Gelsomino sarebbe stato manager occulto dei mafiosi: per questo gli sono stati sequestrati il Giardino della frutta di via Aquileia e il centro Wind di viale Lazio. Le manette sono scattate per altri tre prestanome: Antonietta, Giorgio e Giuseppe Cuccia. I boss gli avrebbero affidato alcuni magazzini in viale Regione. s. p.

http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2007/01/26/un-esercito-di-imprenditori-prima-vittime-poi.html

Un milione di euro per il grand hotel la Regione rischiò di finanziare i boss

Repubblica — 31 gennaio 2007 pagina 4 sezione: PALERMO

di cronaca) salvo palazzolo L' identikit del sicario di Tommaso Natale diventato influente imprenditore guida le ricerche della squadra mobile diretta da Piero Angeloni. Ma non è soltanto un volto che gli investigatori stanno cercando. In Procura i sostituti Domenico Gozzo, Gaetano Paci e l' aggiunto Alfredo Morvillo provano a ricostruire cosa sia diventato oggi Salvatore Lo Piccolo. Ed è una corsa contro il tempo. Perché di tempo ne è stato sprecato già tanto: fino al 1999 nessuno cercava Lo Piccolo. E lui passeggiava per Palermo senza problemi. Poi le prime parole del pentito Isidoro Cracolici misero in guardia: «è già diventato potentissimo». Ma l' antimafia ha avuto sempre mezzi limitati, si sa, e prima di Lo Piccolo è passata sempre qualche altra priorità. Adesso l' ultimo blitz ordinato dalla Procura, quello che nei giorni scorsi ha portato in carcere 46 persone, apre uno spaccato preoccupante sulla mafia che resta dopo Bernardo Provenzano. Mafia degli affari e delle insospettabili complicità. Il mandamento guidato da Salvatore Lo Piccolo poteva contare su un brillante imprenditore, Lorenzo Altadonna, una vera celebrità a Carini per i suoi investimenti nel settore dei supermercati. Aveva un volto talmente pulito che non ebbe grossi problemi a ottenere un contributo da parte dell' assessorato regionale al Turismo, nell' ambito del Por Sicilia 2000-2006. Con quei soldi, il manager fidato dei boss progettava di realizzare un sontuoso albergo in contrada Predicatore, a Villagrazia di Carini. Il terreno di 160 mila metri quadrati era stato già acquistato, con i soldi di tanti investitori occulti, niente altro che una cordata di boss. La pratica, intestata alla moglie di Altadonna, Pierina Fiorello, era andata avanti senza problemi nei palazzi della Regione. Il decreto di finanziamento porta la data del 5 marzo 2004, la Corte dei conti aveva regolarmente registrato, il successivo 28 aprile. Importo: un milione 21.956 euro. I mafiosi gioivano: «Lui ha in tasca due miliardi», diceva uno dei boss intercettati dalla sezione Criminalità organizzata della squadra mobile. Accaddero cose strane nei giorni seguenti. I mafiosi cominciarono a essere più attenti al telefono. E i complici si insospettirono. Fino a quando il boss di Carini, Vincenzo Pipitone, sbottò: «Il Signore ci deve dare la fortuna di venderlo, quel terreno». I boss del clan Lo Piccolo sapevano di essere intercettati? Il 3 marzo 2006, in tutta fretta, la signora Fiorello inviò una lettera all' assessorato al Turismo: comunicava ufficialmente di voler rinunciare al finanziamento. Una dichiarazione che fu pubblicata sulla Gazzetta ufficiale. Intanto telecamere e microspie della polizia continuavano a riprendere tutti i movimenti degli insospettabili manager diventati improvvisamente prudenti. Altadonna è finito in manette nel blitz di sei giorni fa. Salvatore Lo Piccolo resta ricercato, così come il figlio Sandro, a 30 anni già condannato all' ergastolo e latitante pure lui. I pentiti dicono che Salvatore detto ' u vascu, il saggio, si muove con una discreta scorta a Palermo. E fa quattro o più tappe prima di raggiungere destinazione. Come «l' adorato zio», Bernardo Provenzano. Come lui, comunica gli ordini tramite pizzini dal tono ispirato: «Queste poche righe per chiederti una cortesia», scriveva al suo rappresentante a Carini, che leggeva e non sospettava di essere intercettato. – SALVO PALAZZOLO

http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2007/01/31/un-milione-di-euro-per-il-grand.html



Cosa nostra Spa giovedì 08 febbraio 2007

Imprenditori che si fanno finanziare dalla mafia. O che taglieggiano per ingraziarsi i boss. L'inchiesta di Palermo. di Leo Sisti


C'erano una volta i boss mafiosi che tenevano distinti i ruoli: tu, imprenditore, paghi il pizzo e noi ti assicuriamo protezione e tranquillità. Così per decenni. Poi, di recente, il salto di qualità. I ruoli si intersecano, si confondono. È la politica dello scambio. Alcuni uomini d'affari, in genere costruttori, associano alla propria impresa personaggi di Cosa nostra, si fanno da loro finanziare nuove iniziative e sveltiscono le pratiche per ottenere concessioni edilizie. Qualcuno si spinge più in là: pretende egli stesso da altri il pagamento del pizzo. Diventando così complice della mafia. Forse, di essere arrestato, giovedì 25 gennaio, Lorenzo Altadonna, imprenditore di Carini se l'aspettava. Ammanettato e finito, insieme ad altri 44, nella rete che ha inferto un duro colpo al clan di Salvatore Lo Piccolo, latitante da 23 anni, uno dei successori di Bernardo Provenzano, nonché leader del mandamento di San Lorenzo (giurisdizione, oltre che sulla parte nordoccidentale di Palermo, anche su Carini, Capaci e altri comuni). Troppo in là si era spinto Altadonna, 44 anni. Voleva crescere, allargarsi, all'ombra di Cosa nostra, per realizzare un bel complesso alberghiero, in un'area di 160 mila metri quadrati, a Villagrazia di Carini, con tanto di regolare licenza edilizia. Solo che i soldi per il progetto glieli avevano anticipati due mafiosi della zona, Angelo Gallina e Vincenzo Pipitone, quest'ultimo responsabile della famiglia di Carini. Il quale ha ben chiari alcuni concetti. Una vera filosofia della nuova impresa mafiosa: gli investimenti devono avere il loro ritorno e le decisioni devono essere prese collegialmente, come avviene nei consigli di amministrazione delle società per azioni. Certo, con linguaggio un po' grossolano: "Noi ci uniamo, dobbiamo fare una pecora, un vitello, un albero di limoni. Ci uniamo, ci assumiamo la responsabilità tutti quanti che se qualcosa va male siamo tutti responsabili.". Uniti in tutto.

Specialmente quando Altadonna, temendo di essere entrato nel mirino della Squadra mobile di Palermo, vorrebbe vendere quei 160 mila metri quadrati. Pipitone è esplicito: "Quello che Lorenzo vuole fare delle sue cose è padrone. Ma lì, con noi è tutto un altro, deve prendere 800 milioni (di lire, ndr) e me li deve dare". Traduzione: con la cessione di quei terreni, la somma ricavata, appunto 800 milioni, deve rientrare nell'organizzazione mafiosa. E se scoppiano all'interno del gruppo di Carini questioni di denaro, Vincenzo Pipitone mette in guardia: "Roberto non lo vuole toccato, a Lorenzo". Roberto chi? Nelle intercettazioni viene nominato come "l'africano". Gli investigatori scrivono il suo nome. È Vito Roberto Palazzolo, condannato nell'estate del 2006 per reati di mafia, grande riciclatore di soldi sporchi, da anni latitante in Sudafrica. E "l'africano" sembra "interessato al terreno dei 160 mila metri quadrati". Basta sfogliare le quasi mille pagine dell'"operazione Occidente", firmata dai pm di Palermo Domenico Gozzo, Gaetano Paci e Anna Maria Picozzi, per capire fino a che punto si muove la nuova "onorata società". Perché Lorenzo Altadonna non rappresenta l'unico esempio di imprenditore prestanome della mafia emerso in un raid che ha prodotto oltre agli arresti anche sequestri di beni e patrimoni per decine di milioni di euro. Ce ne sono altri, come Gioacchino Sapienza, anche lui di Carini, titolare formale della Cdr, una ditta di distribuzione di merci collegata alla Tnt, colosso del settore, ma in realtà di proprietà di Giovan Battista Pipitone, fratello di Vincenzo. Quando mai uno subisce un rapina di un Tir pieno di elettrodomestici e riesce a recuperarlo in brevissimo tempo? È Vincenzo Pipitone a vantarsene: "In due ore ho trovato la merce, il magazzino dov'era, il camion, tutte cose, in due ore precise!! A San Cipirrello la roba era. Mancano dieci televisori solo". E che dire dell'attività svolta con la Edilpomice, ditta di materiali edili di Andrea e Antonio Cusimano, cugino, da parte della moglie, di Salvatore Lo Piccolo? Ecco un malcapitato costruttore, Salvatore Amato, consegnare il suo pizzo a un mafioso come Francesco Di Blasi in cambio di acquisti, inesistenti, presso la Edilpomice. Il quale Di Blasi conta poi i quattrini dell'estorsione insieme ad Antonio Cusimano. Ma ci sono casi più emblematici. I magistrati parlano di imprenditori che, "pur di lavorare, si trasformano da vittime in carnefici", taglieggiando i propri colleghi e guadagnandosi così "la benevolenza di Cosa nostra nell'assegnazione di subappalti".(da L'Espresso - 08-02-07) Espressonews.it

http://www.espressonews.it/index2.php?option=com_content&do_pdf=1&id=20


CARINI. GLI IMPRENDITORI ALTADONNA E BORRUSO IN MANETTE PER MAFIA

Lorenzo Altadonna, imprenditore di 46 anni ritenuto vicino alla famiglia mafiosa di Carini è stato arrestato dalla polizia in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere. L'uomo è stato infatti condannato a 12 anni di carcere, in primo grado, per concorso esterno in associazione mafiosa, nel contesto del processo sull'operazione denominata "Occidente". Altadonna venne scarcerato dopo l'arresto nel marzo 2007 poiché il tribunale del riesame dichiarò nulla l'ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa il 23 gennaio. Ieri, dopo la condanna in primo grado, le porte del carcere si sono riaperte per l'imprenditore di Carini.



http://www.italiainformazioni.com/giornale/cronacaregionale/57538/mafia-torna-carcere-lorenzo-altadonna-limprenditore-carini-condannato-anni.htm



PROCESSO OCCIDENTE. IMPRENDITORE DEPONE IN AULA CONTRO FAMIGLIA MAFIOSA DI CARINI

8 gennaio 2009

Un imprenditore titolare di un’azienda a Carini ha deposto ieri in tribunale nell’ambito del processo Occidente. Marcello Trapani, 60 anni, ha risposto ai magistrati raccontando di avere pagato il pizzo dal 1997 al 2005. In un’aula piena di imputati, con il boss Salvatore Lo Piccolo collegato in videoconferenza dal carcere di Milano-Opera, Trapani ha parlato in particolare della posizione di una delle 24 persone coinvolte nell’inchiesta giudiziaria che ha sgominato i vertici della famiglia mafiosa di Carini, l’imprenditore Lorenzo Altadonna. Marcello Trapani ha raccontato di avere incontrato Altadonna nel 2003 in un villino sulla statale 113 a Carini, assieme a Vincenzo Pipitone e che quest’ultimo cercò di imporglielo per alcuni lavori che l’imprenditore doveva eseguire in un proprio capannone. “Pipitone – ha detto il teste – era molto cordiale in apparenza, e mi disse di conoscere molto bene le abitudini e i miei sposatamenti e della mia famiglia. Quindi non ho avanzato obiezioni, anche se avevo già preso accordi con un’altra ditta. Poi, furono gli stessi Pipitone e Altadonna a rinunciare – ha proseguito Marcello Trapani – quando scoprirono che i lavori ammontavano a circa 800 mila euro e non a 3 milioni e mezzo di euro come pensavano. Vincenzo Pipitone si ripresentò nel 2005 – ha concluso Trapani – quando misi in vendita un terreno, stavolta in veste di sensale di un possibile acquirente, ma l’affare non venne concluso neppure in quel caso.” Pipitone è considerato il boss di Carini. Di lui, in aula ha parlato anche il capitano Aniello Schettino, comandante dei carabinieri della compagnia di Carini che ha condotto le indagini. Secondo i pm Gaetano Paci e Anna Maria Picozzi che rappresentano l’accusa assieme a Domenico Gozzo, le testimonianze confermano il rapporto che lega il carinese Lorenzo Altadonna ai Pipitone. Il costruttore, però, ha sempre respinto le accuse. Marcello Trapani ha riferito che le prime pressioni gli arrivarono nel 1997: cera sparsa per terra, un vetro rotto in un camion, una bottiglia di liquido infiammabile…..decise allora di rivolgersi al sensale che lo aveva aiutato ad insediarsi a Carini, Ciccio Di Blasi di Pallavicino. Questi, pure coinvolto nell’operazione Occidente, gli disse che per stare tranquillo doveva pagare alle famiglie mafiose un milione delle vecchie lire, cifra che Di Blasi evidenziò di avere ottenuto, con una sorta di intercessione, rispetto alla richiesta iniziale. Trapani, quindi, per far cessare le intimidazioni cominciò a pagare il pizzo allo stesso Di Blasi che nel 2003 lo condusse in quel villino di Carini dove conobbe Vincenzo Pipitone e Lorenzo Altadonna. Infine nel 2006 – ha raccontato il teste in aula – si presentò un’altro signore che mi chiese se ero al corrente di dover pagare per la costruzine di un’altro capannone. Ma quei lavori non mi riguardavano. Quel signore – secondo gli inquirenti – era Antonino Pipitone, nipote di Vincenzo, pure lui coinvolto nell’operazione Occidente.

http://www2.glauco.it/antimafia/osservatorio/emeroteca/dati/2007-01/26/20070126gdsa.pdf

http://www.db.messinaantiusura.it/antimafia/osservatorio/emeroteca/dati/2009-01/08/20090108gdsa.pdf


07/05/2009

Maxisequestro a Palermo. Dall’Informatica agli immobili, ai trasporti: la ragnatela degli interessi della cosca di Carini

Immagine tratta da www.salviamoitalia.net


Un ex cuoco affiliato <<in prova>> svela gli imprenditori prestanome


Angelo La Manna lavorava in un locale di mafiosi: ha fornito la mappa degli affari


Figlio di un personaggio appar­tenente alla cosca della Noce, La Manna viveva a Carini ed era vicino ad Angelo Antonio Pipitone, ritenuto il capofamiglia.


Articolo tratto dal Giornale di Sicilia di Giovedì 07.05.2009 pag.4


di Leopoldo Gargano


PALERMO. L'ex cuoco ha indicato gli imprenditori che riciclano il de naro di Cosa nostra e poi sono venuti gli altri pentiti. Dall'informatica, alle villette, ai trasporti, una ragnatela di prestanome controllata secondo l'accusa dalla cosca di Carini, alleata di ferro del clan Lo Piccolo.


Angelo La Manna, 36 anni, ex impiegato di un ristorante di Carini, (anche questo gestito da un ma fioso) ha fornito per primo la mappa degli affari.


IL BOSS GLI DISSE: ORA SE SBAGLI SEI MORTO. COLLABORA DAL 2005


Figlio di un personaggio ritenuto affiliato al la cosca della Noce, La Manna abitava a Carini ed era molto vi cino al presunto capofamiglia, Angelo Antonino Pipitone, det to zu Ninu, nel cui locale lavora va in cucina. Venne affiliato «in prova» durante una cena al Johnny Walker, storico locale al lo svincolo autostradale del pae se e zu Ninu gli disse: «Adesso se sbagli sei morto».


Dalla fine del 2005 anni collabora con la giustizia e le sue dichiarazioni sono state utilizzate dalla Guar­dia di finanza e dalla sezione mi­sure di prevenzione del tribuna­le (presidente Cesare Vincenti, giudici Emilio Alparone, Fabio Licata, Guglielmo Nicastro e Daniela Vascellaro) per aprire la cassaforte della cosca. Conte­neva un tesoro da 300 milioni di euro, tra imprese, negozi e con­ti correnti.


Il pentito ha fatto il nome di Giorgio Iaquinoto, 54 anni, al quale per l'accusa è ri­conducibile un'azienda seque­strata la «Giellei electro trading srl» che opera nel settore infor­matico. Secondo La Manna, Iaquinoto «è persona che mette­va nei negozi i soldi di Cosa no­stra». L'imprenditore è sotto processo per riciclaggio aggra­vato, la Procura ha chiesto per lui una condanna a 6 anni.

Altro imprenditore tirato in ballo da La Manna è Vincenzo Curulli, 50 anni, titolare della «Ellei Trasporti».

È legato al pre­sunto boss di Torretta Nino Di Maggio, secondo il collaborato­re, e si sarebbe prestato a far gi­rare denaro della famiglia di Ca­rini in alcuni conti correnti che gestisce. Anche lui sotto proces­so, l'accusa ha chiesto 6 anni di reclusione.

Secondo il collaboratore è un prestanome di Nino Pipitone.

Vicino a Pipitone, sempre secondo le accuse di La Manna, anche il costruttore Lorenzo Altadonna che stava per realizzare nei pressi di Villagrazia di Ca­rini un albergo di lusso e diverse palazzine. Sotto processo per concorso esterno e riciclaggio aggravato, l'accusa ha chiesto per lui 11 anni carcere.

La Manna ha fatto il nome di un altro imprenditore edile che sarebbe stato egato a filo dop-pio con Cosa nostra: Giovanni Cataldo.

La sua è una storia tragica. Si è suicidato in cella nel febbraio dello scorso anno, dopo un anno di reclusione

Era ritenuto dagli inquirenti il costruttore di fiducia dei boss, colui che investiva nel mattone i soldi della cosca. Non ha fatto in tempo a difendersi da queste accuse, si è ucciso dopo l'arre­sto e il sequestro della sua ditta che aveva sede sulla strada pro­vinciale.

Sul suo conto aveva detto: «Cataldo lavora investendo i sol­di di Nino Pipitone.Tutte le co­struzioni di complessi di villini a Carini sono di Pipitone. Lo so­no, in particolare, le costruzio­ni effettuate da Giovanni Catal­do, che utilizza il denaro della famiglia di Carini e di Pipitone in particolare».

Edilizia, traspor­ti e commercio, secondo l'accu­sa, sono sotto il controllo delle cosche. Per i magistrati della Dda, la zona di Carini, dove nel più recente passato sono state avviate lottizzazioni e costruzio­ni di centinaia di villette, ha rap­presentato per le «famiglie» una grande fonte di reddito.

Un discorso a parte merita Angelo Gallina, 66 anni, detto zu Ancilu o Angelo di Cola nato a Carini e con parenti negli Stati Uniti.

Che non lo hanno agevo­lato. Proprio un suo cugino americano, Giovanni Gallina, protetto da agenti Fbi, lo ha in­dicato come «uno degli adepti - scrivono i giudici della sezione misure di prevenzione - della fa­miglia di Villagrazia di Carini».

Solo che non faceva parte del gruppo vincente, quello cioè dei Pipitone, bensì del clan avverso, che faceva capo a Batti­stone Passalacqua e appunto dei Gallina.

Un attrito sorto pro­prio per la gestione di appalti e messe a posto, che rischiava di degenerare in una guerra aper­ta. Per evitarla Salvatore Lo Pic­colo convocò un summit pacifi­catore ed i rancori vennero mes­si da parte. E si tornò a parlare di affari. Tanto che Gallina, se­condo l'accusa, proprio assie­me a Vincenzo e Giovan Batti­sta Pipitone avrebbe trasferito a Lorenzo Altadonna denaro e altri beni. A zu Ancilu, i giudici hanno sequestrato un'impresa edile individuale.

E poi c'è Gioacchino Sapien­za, solo a lui è stato bloccato un patrimonio da 110 milioni: quattro aziende, diciotto immo­bili (tra i quali un lido balneare a Capaci) e diverse fuoriserie.

Di lui ha parlato il collaborato­re Gaspare Pulizzi.

«Faceva trasporto di merci, io ci ho lavorato per tanti anni - ha detto -, Sapienza è compare di Nino Pipitone e ha cresimato un figlio a Giovanni Pipitone, dal quale aveva affittato un ca­pannone Tnt. La discoteca Mo­vida (che non è stata sequestra­ta ndr di Villagrazia di Carini è pure sua - ha detto Pulizzi - ma in realtà solo a metà. L'altro cin­quanta per cento apparteneva a Giovanni e Enzo Pipitone, Ni­no Di Maggio e Salvatore Lo Pic­colo».

Leopoldo Gargano

http://latuavocelibera.myblog.it/archive/2009/05/07/maxisequestro-a-palermo-dall-informatica-agli-immobili-ai-tr.html


Mafia, torna in carcere Lorenzo Altadonna L'imprenditore di Carini condannato a 12 anni

10 Luglio 2009


Agenti della Polizia di Stato della sezione “Catturandi” della Squadra Mobile di Palermo hanno arrestato Lorenzo Altadonna, 46anni, imprenditore di Carini. L’uomo è finito in manette a seguiro di una Ordinanza di Custodia Cautelare in carcere, emessa l’8 luglio scorso, dalla terza Sezione Penale del Tribunale di Palermo. L’emissione del provvedimento è scaturita dalla condanna a 12 anni di carcere, inflittagli in primo grado dall’Autorità Giudiziaria, per concorso esterno in associazione mafiosa, nel contesto del processo sull’operazione denominata “Occidente”. Arrestato il 25 gennaio del 2007, quando la Polizia di Stato inferse un duro colpo agli interessi economici del clan Lo Piccolo, dando un nome ed un volto ai capi ed ai vertici operativi delle famiglie mafiose Carini, comprese nel mandamento di San Lorenzo – Tommaso Natale e guidato dall’allora superlatitante Salvatore Lo Piccolo. L’inchiesta servì a ricostruire l’ organigramma e la struttura interna dei sodalizi criminosi e a fare luce su numerose estorsioni nell’area di influenza dell’organizzazione criminale i cui proventi venivano destinati all’arricchimento degli esponenti di cosa nostra ed al sostentamento delle famiglie dei mafiosi detenuti. Attraverso la documentazione di riunioni di mafia, furono acquisiti importanti elementi investigativi sui rapporti d’affari dei mafiosi con imprenditori compiacenti o complici, accertando gli interessi delle famiglie del mandamento di San Lorenzo nel settore dei lavori edili e delle imprese commerciali. Tra questi c’era anche l’imprenditore Lorenzo Altadonna, ritenuto vicino alla famiglia mafiosa di Carini. Il 5 marzo del 2007 Altadonna fu scarcerato poiché il Tribunale del Riesame dichiarò nulla l’Ordinanza di Custodia Cautelare in Carcere emessa nei suoi confronti due mesi prima. Ieri, a seguito della condanna inflittagli in primo grado, per l’imprenditore di Carini si sono riaperti i cancelli del carcere.

Mafia, torna in cella Lorenzo Altadonna

«Imprenditore vicino ai Lo Piccolo» Dopo la condanna, arriva l'arresto

Tratto dal Giornale di Sicilia Sabato 11 Luglio 2009

di Vincenzo Marannano

Torna in cella Lorenzo Altadonna, di Carini, coinvolto nel 2007 nell'operazione Occidente

LA SCORSA SETTIMANA HA AVUTO INFLITTI 12 ANNI PER MAFIA

A una settimana dalla senten­za, gli agenti della squadra mobile hanno arrestato un imprenditore ritenuto vicino ai Lo Piccolo e in particolare alla famiglia mafiosa di Carini Appena una settimana fa ha assistito in aula, da uomo libe­ro, alla lettura della sentenza. Dodici anni di carcere, uno in più rispetto alla richiesta del pm Gaetano Paci. L'accusa: avere messo la propria impresa a di­sposizione di Cosa nostra, e in particolare di Salvatore e San­dro Lo Piccolo e della loro longa manus nel territorio di Carini, ovvero il boss Vincenzo Pipito­ne.

Ieri per l'imprenditore Lo­renzo Altadonna, 46 anni, arre­stato nell'operazione «Occiden­te» e scarcerato poco dopo, so­no scattate di nuovo le manette. Gli agenti della sezione catturan­di della squadra mobile lo han­no raggiunto a casa, notificando­gli l'ordine di custodia cautelare emesso dalla terza sezione pena­le del tribunale.

Altadonna fu arrestato il 25 gennaio del 2007. Era l'operazio­ne Occidente, la retata con la quale la polizia diede un duro colpo al clan Lo Piccolo, dando un nome ed un volto ai capi ed ai vertici operativi delle famiglie mafiose di San Lorenzo, Partan­na Mondello e Carini, ricompre­se nel mandamento di San Lo­renzo-Tommaso Natale. Quella stessa operazione decretò l'ini­zio della fine della lunga latitan­za del «barone» di San Lorenzo e del figlio Sandro, arrestati il 5 no­vembre 2007 grazie a una serie di dritte fornite dal pentito Fran­cesco Franzese. Negli ultimi due anni e mezzo gli investigatori - con l'aiuto di numerosi collabo­ratori che intanto hanno deciso di voltare le spalle a Cosa nostra - hanno ricostruito l'organi­gramma e la struttura interna di famiglie e mandamenti, hanno fatto luce su numerose estorsio­ni, dando un nome e un cogno­me a decine di vittime. «Attraver­so la documentazione rinvenu­ta nel covo di Giardinello il gior­no dell'arresto dei Lo Piccolo - spiegano dalla questura-, furo­no acquisiti importanti elemen­ti investigativi sui rapporti d'affa­ri dei mafiosi con imprenditori compiacenti o complici, accer­tando gli interessi delle famiglie del mandamento di San Loren­zo nel settore dei lavori edili e delle imprese commerciali».

Tra questi proprio l'imprendi­tore Altadonna, ritenuto vicino alla famiglia mafiosa di Carini. Il 5 marzo 2007 Altadonna fu scar­cerato poiché il Tribunale del Riesame dichiarò nulla l'ordi­nanza di custodia cautelare in carcere. Esattamente due anni dopo, l'imprenditore -che non ha perso una sola udienza del processo a suo carico - venne accusato in aula da un collega, interrogato come vittima del rac­ket. «Lo incontrai in un villino nei pressi di Carini, assieme a Vincenzo Pipitone - disse l'im­prenditore - e quest'ultimo cer­cò di impormelo per alcuni lavo­ri che Trapani doveva eseguire in un proprio capannone». Per i pubblici ministeri Gaetano Paci e Annamaria Picozzî, che rappre­sentano l'accusa assieme al col­lega Domenico Gozzo, (poi tra­sferito a Caltanissetta) la testi­monianza confermò il rapporto che legherebbe il carinese Alta­donna ai Pipitone. Giovedì, a se­guito della condanna in primo grado, per l'imprenditore si so­no riaperte le porte del carcere.

http://latuavocelibera.myblog.it/archive/2009/07/12/mafia-torna-in-cella-lorenzo-altadonna.html

L' ottico prestanome del padrino Repubblica — 11 luglio 2009 pagina 8 sezione: PALERMO

L' OTTICA di via Aurispa non è di Giovanni Borruso, l' imprenditore titolare di una catena di negozi, ma di Mario Martello, noto mafioso di San Giuseppe Jato, ergastolano e detenuto per una raffica di reati, dall' omicidio all' associazione mafiosa, dal sequestro di persona alla detenzione di armi. Così almeno sostengono gli investigatori della Dia che ieri, su ordine di custodia chiesto dalla Dda e firmato dal gip Piergiorgio Morosini, hanno posto agli arresti domiciliari Giovanni Borruso, 50 anni, accusandolo di intestazione fittizia di beni e hanno sequestrato il negozio il cui valore commerciale è stimato in 400 mila euro. L' imprenditore non è indicato come "uomo d' onore" ma, secondo il procuratore aggiunto Antonio Ingroia ed il sostituto Francesco Del Bene titolari delle indagini, «orbita nell' area delle persone vicine o contigue a Cosa nostra», e ha parentele che contano nell' organizzazione mafiosa che lo considera personaggio affidabile di cui servirsi per mettere al riparo le attività economiche. Borruso è infatti parente di Pietro Senapa, nome storico della famiglia mafiosa di Corso dei Mille, e cognato del latitante mafioso Antonino Lauricella detto "Scintilluni". Ma secondo l' accusa Borruso avrebbe gestito il denaro di Mario Martello, finito in carcere nel ' 93 per l' omicidio di Francesco Baio, ucciso a San Giuseppe Jato il 10 marzo del 1984: omicidio in cui sarebbero stati coinvolti anche Bernardo Brusca, Balduccio Di Maggio, Santino Di Matteo e Gioacchino La Barbera. Gli investigatori hanno sequestrato ed esaminato la corrispondenza tra i due, in cui il detenuto rimproverava al socio prestanome di avere accresciuto il passivo e minimizzato l' attivo del negozio. L' operazione scaturisce dall' inchiesta della direzione investigativa antimafia nei confronti della famiglia mafiosa di Altofonte che ha già portato all' arresto di Giovanni Francesco Vassallo, 58 anni, e Nicola Alessio Pitti, 36 anni, per mafia e al sequestro di beni per quattro milioni di euro, nel febbraio 2008. In carcere è tornato invece un altro imprenditore condannato a 12 anni per concorso esterno in associazione mafiosa. Agenti della sezione Catturandi della squadra mobile hanno arrestato Lorenzo Altadonna, 46 anni, in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare emessa dalla terza sezione del tribunale. Altadonna, ritenuto vicino alla famiglia mafiosa di Carini, venne scarcerato dopo l' arresto nel marzo 2007 poiché il tribunale del riesame dichiarò nulla l' ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa il 23 gennaio. Ma ieri, dopo la condanna in primo grado, le porte del carcere si sono riaperte per l' imprenditore di Carini. - ALESSANDRA ZINITI

http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2009/07/11/ottico-prestanome-del-padrino.html


http://nuovaisoladellefemmine.blogspot.com/2009/05/indagini-di-mafia.html


http://nuovaisoladellefemmine.blogspot.com/2009/01/lipermercato-e-la-mafia-condanne_21.html


http://nuovaisoladellefemmine.blogspot.com/2009/01/la-mafia-si-riappropria-dei-beni.html

http://nuovaisoladellefemmine.blogspot.com/2008/02/dove-c-l-ora-c-lassalto-alla-territorio.html

http://www.comunicati-stampa.net/com/cs-24310/

http://www.wikio.it/article/41235867#news41235867


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. CORTE COSTITUZIONALE BERLUSCONI ALFANO PREVITI FORZA ITALIA MANGANO MILLS PECORELLA GHEDINI SME DE BENEDETTI LODO ALFANO ALFANO GOVERNO PD Lodo Alfano Sonia Alfano Corte Costituzionale Consiglio d'Europa Luigi De Magistris Italia dei Valori legalità giustizia antimafia uguaglianza legge Costituzione Silvio Berlusconi MArcello Dell'Utri Vittorio Mangano Cesare Previti Paolo Borsellino Quote Rosa T.A.R. Lecce Astrea Greco Ronchi Cubilot Crotone Taranto Acque potabili siciliane addizionale addizionale comunale dell'imposta sui redditi delle persone fisiche addizionale Irpef Amap Amia Ato Idrico Comune di Palermo Consiglio comunale Diego Cammarata Enzo Galioto Fas Fondo aree sottoutilizzate Gesip Gianfranco Miccichè Governo Governo Italiano Imposta sul reddito delle persone fisiche imposte Irpef Kals'art Palermo pressione fiscale Raffaele Lombardo Sebastiano Bavetta Silvio Berlusconi Angelo Amaro Luigi Librici Anna Abita Michele Condò Rita Pecoraino Liborio Mammana Gianfranco Cannova Salvo Anzà Vincenzo Minagra Italcementi Petcoke Tumori Isola delle Femmine Impastato;Cutino PALazotto Pomiero Bruno Lucido Riso Bologna;Raffo Rosso Metalli Pesanti Zinco Carbonio idrogeno azoto zolfo nichel vanadio Autorizzazione Integrata Ambientale Regione Sicilia Assessorato Territorio Ambiente PORTOBELLO CUTINO PALazzotto E IL GRUPPO Progetto destinano il bene confiscato ITALCEMENTI RICORSO A.I.A. ITALCEMENTI ARPA COMUNE ISOLA DELLE FEMMINE INQUINANTI QUALITA' ARIA CONTROLLI CENTRALINE SELVAGGIA AGGRESSIONE AL CANDIDATO SINDACO RUBINO ANTONINO ITALCEMENTI RIFIUTI INCENERITORI PNEUMATICI CDR CROMO ESAVALENTE 6692 mg/kg A ISOLA DELLE FEMMINE e il SINDACO NICCHIA SIMONE MARTIN FIGLI PARA' COMMOZIONE FUNERALI ATTENTATO KABUL CN24 notizie news Gramellini Talebani afghanistan soldati militari analisi dei fatti di cronaca uniforme Tolomeo Interlandi Sorbello m.p.a.D.A.P. N.O.E. Portobello rifiuti Inceneritori diossine silicio solfatiIPA Cromo Esavalente Messina Marco Monti Angelo La Maestra Giovanni Dipartimento ARPA Provinciale Regione Sicilia Assessorato Territorio Ambiente Servizio 3 Regione Sicilia Assessorato Territorio Ambiente Servizio 2 VIA VAS Provincia Regionale Palermo Area Tutela Ambientale e Difesa del Suolo Direzione Controllo e Prevenzione Ambientale Ufficio Smaltimento Rifiuti Speciali Dipartimento ARPA Provinciale ARPA Sicilia Sindaco del Comune Di Isola delle Femmine Comando dei Carabinieri di Isola delle Femmine Prefettura di Palermo Questura Palermo Carabinieri N.O.E. Piazza Principe di Camporeale 62/64 Palermo Calcare Perlite Sabbia Desolfogesso Clinker Farina Argilla Pian dell’Aia Torretta Siino Pesenti Mafia Cemento Depotenziato commissariamento comune isola delle femmine mancato bilancio scioglimento consiglio comunale Legge 8 luglio 1986 n. 349 art 14 comma 3 ARTICOLO 2 paragrafo 2 e 'articolo 6 della direttiva 2003/4/CE Legge 241/90 corte dei conti Art. 21. COSTITUZIONE STATUTO COMUNALE ISOLA art. 14 della legge n°349/86 dionisi pomiero A.P.S. A.T.O. Idrico PA 1 ACQUA acqua bene comune articolo 23 bis della Legge 133/ 2008 BOLOGNA capaci . PORTOBELLO ISOLA DELLE FEMMINE ISOLA PULITA PRIVATIZZAZIONE servizi Consiglio comunale di Vallelunga Pratamento Mafia del Vallone Pubblica Amministrazione a Vallelunga Prrat Scioglimento consiglio comunale per mafia Vallelunga e le infiltrazioni mafiose BILANCIO BILANCIO CONSUNTIVO 2008 BILANCIO PREVISIONE 2009 Caterina Chinnici Commissari commissario ad acta DEBITI FUORI BILANCIO enti locali regione siciliani VOTO DI SCAMBIO Ato rifiuti Coinres coppolino DEBITI dioguardi Francesco Forgione Giusto Catania ISOLA DELLE FEMMINE loddo Orazio Giordano PALAZZOLO portobelo Temporary S.p.A. zuccarello arsenico BENZENE MERCURIO METALLI PESANTI POLVERI SOTTILI PETCOKE RIFIUTI DIOSSINE berillio CEMENTIFICI gela isola delle femmine ITALCEMENTI pettcoke rame sangue selenio tallio bruno CUTINO diossina inceneritori isola ecologica ITALCEMENTI MAFIA pizzo PORTOBELLO raccolta differrenziata tarsu TRASPARENZA alessandra santoro bambini CANCRO LEUCEMIA CHEMIO BAMBINI PUBBLICITÀ CAPELLI SPAGNA SOCIALE PROGRESSO ALESSANDRA SANTORO LABORATORIO DIAGNOSTICA INTEGRATA ONCOEMATOLOGICA MALATTIE DEL SANGUE MANIPOLAZIONE Afghanistan Antonio De Meo Arctic Sea Aung San Suu Kyi Badanti Barack Obama Birmania Buccaneer Camozzi Cecenia Cei Censis Cim Claudio Scajola Clienti Colf Confindustria Cronaca Cuba Dario Franceschini Di Tasca Tua Dialetti Diretta Skytg24 Economia Fai Da Te Fidel Castro Forum Fotogallery Franco Frattini Gabbie Salariali Guida Tv Hudson Incidenti Aerei Innse Internet Io Reporter Istat Jackpot John Yettaw Martinsicuro Meteo Milano Mondo Multivision Myanmar Mysky Hd New York Omicidio Operai Pirati Politica Privacy Religione Roma Scrutini Scuola Silvano Genta Silvio Berlusconi Speciale Scuola Spettacolo Superenalotto Tar Lazio Teramo Tg24 CANCRO capelli chemio integrata oncoematologica leucemia malattie del sangue ospedale cervello palermo progresso pubblicità sociale spagna esplosione esplosione viareggio explosion ferrovie dello stato fs gasolio incendio incidente ferroviario italy lucca morti sicurezza toscana trains treni versilia viareggio Armao Buffardeci beninati Cimino cintola cuffaro Di Mauro Leanza lo curto Lombardo Sorbello M.P.A. Milone Russo venturi BOLOGNA bruno capaci . PORTOBELLO CATALDO DIONISI elezioni amministrative 2009 Giambruno; RISO LUCIDO rappa Rino RISO RUBINO U.T.C.Sindaco Valguarnera latte Puccio zu Turidduzzu Billeci Bologna L.R. N. 5/2008 LEUCEMIE lucido Manifestazione NAPOLITANO onde elettromagnetiche PETCOKE petizione Portobello radar riso Scafidi Scilipoti SORBELLO TUMORI usticano Wind Shear mafia • massoneria • politica ambiente berlusconi Calcestruzzi camorra campania Carlo Pesenti Casalesi depuratori Francesco Gaetano Caltagirone Giulia Cosenza impregilo inceneritori Italcementi mafia napoli Nicola Cosentino politica Servizi segreti Walter Ganapini ABUSIVISMO commissione edilizia comunale LA GESTIONE DEL TERRITORIO DELL'AMMINISTRAZIONE PORTOBELLO pietro cinà maiorana suicidio calliope speculazione edilizia bandiera pomiero bruno cutino lucido riso mafia Innse operai accodo Fiom fabbrica italcementi disoccupati gru innse fabbrica sciopero lavoro perdita metalmeccanica operai fabbrica occupata centri sociali sbirri sciopero scontri innse chiavi inglesi barricate classe operaia lottizzazione lo bianco lottizazione di matteo lottizzazione collida tourist lottizzazione la paloma Military Navy Seals Afghanistan SAS SBS Funny Taliban Nicolaisen Iraq war insurgents Al-Queda Bin-Laden Mujahadeen SNL Caves Erik TV WTF Poop comedy soldato Usa catturato talebani al Jazeera Michael Jackson brucia capelli bruciati pepsi stampa morte morto Brigata Folgore berlusconi violenza iran Barack Obama pakistan Mafia Terrorismo europa complotto eversivo Iraq calabria campania lazio piemonte mafia antimafia comuni elenco infilitrazioni mafiose sciglimento consiglio comunale roberto saviano legge reggio napoli palermo catania licata rizziconi crotone castel volturno casal di principe nettuno festival letteratura roma rosarno gela messina agrigento sicilia acerra gioia tauro trapani Isola delle Femmine art 2 art. 14 L. n°349/86 commissario comune isola corte dei conti e 'art 6 della dir. 2003/4/CE L. 241/90 L. 8 luglio 1986 n. 349 art 14 com 3 par 2 scioglimento C.C. STATUTO ISOLA commissariamento comune isola delle femmine mancato bilancio scioglimento consiglio comunale Legge 8 luglio 1986 n. 349 art 14 comma 3 ARTICOLO 2 paragrafo 2 e 'articolo 6 della direttiva 2003/4/CE Legge 241/90 corte dei conti Art. 21. COSTITUZIONE STATUTO COMUNALE ISOLA art. 14 della legge n°349/86 Il SINDACO DI ISOLA DELLE FEMMINE GASPARE PORTOBELLO NOMINA GLI “ESPERTI” Franco Battiato Povera Patria Rivoluzione Speranza in mondo migliore ifb Cicala berlusconi mafia giuliani izzo Gallina LO PICCOLO Carini capaci ALBO PRETORIO ISOLA DELLE FEMMINE Pipitone PALAZZOLO PACI Lorenzo Altadonna Trapani MAFIA Gozzo Picozzi Pierina Fiorello La Manna Zu Ninu Schettino Borruso Gallina Gozzo ISOLA DELLE FEMMINE La Manna latte Puccio zu Turidduzzu Billeci LO PICCOLO Lorenzo Altadonna MAFIA PACI PALAZZOLO Picozzi Pierina Fiorello Pipitone Schettino Trapani Zu Ninu PORTOBELLO CUTINO PALazzotto E IL GRUPPO Progetto destinano il bene confiscato IO DEVO VOTARE NINO RUBINO AMBIENTE SINDACO & SALUTE TAR Puglia (LE) Sez. I n. 1786 del 7 luglio 2009 AMBIENTE ITALCEMENTI I.P.A. AZIENDE INSALUBRI cromo principio di precauzione principio di prevenzione risarcimento danni valutazione impatto ambientale valutazione incidenza sanitaria BOLOGNA bruno capaci . PORTOBELLO CATALDO DIONISI elezioni amministrative 2009 Giambruno; RISO LUCIDO rappa Rino RISO RUBINO U.T.C.Sindaco Valguarnera latte Puccio zu Turidduzzu Billeci A.I.A. assessorato territorio ambiente sicilia COMITATI CITTADINI SICILIANI DECONTAMINAZIONE SICILIA ITALCEMENTI ITALCEMENTI T.A.R. SICILIA 24.4.07 NO PET-COKE BOLOGNA bruno capaci . PORTOBELLO CATALDO DIONISI elezioni amministrative 2009 Giambruno; RISO LUCIDO rappa Rino RISO RUBINO U.T.C.Sindaco Valguarnera latte Puccio zu Turidduzzu Billeci BOLOGNA bruno capaci . PORTOBELLO CATALDO DIONISI elezioni amministrative 2009 Giambruno; RISO LUCIDO rappa Rino RISO RUBINO U.T.C.Sindaco Valguarnera latte Puccio zu Turidduzzu Billeci BOLOGNA bruno capaci . PORTOBELLO CATALDO DIONISI elezioni amministrative 2009 Giambruno; RISO LUCIDO rappa Rino RISO RUBINO U.T.C.Sindaco Valguarnera latte Puccio zu Turidduzzu Billeci BOLOGNA bruno capaci . PORTOBELLO CATALDO DIONISI elezioni amministrative 2009 Giambruno; RISO LUCIDO rappa Rino RISO RUBINO U.T.C.Sindaco Valguarnera latte Puccio zu Turidduzzu Billeci Neda Girl Shot Dead by Police Basij militia in Tehran June 20 2009 ANOTHER VERSION brutality Iran university Iranians protest against election results mousavi voice of iran Gazzetta Ufficiale N. 222 del 23 Settembre 2005 Calabria rifiuti tossici mercurio motonave rosso cosenza tumori maligni paola Lamezia terme messina bruno giordano università calabria radioattività celio 137 giacomino brancati Amantea San Pietro in Amantea Serra d’Aiello tiroide riccardo bocca Cosenza tumori maligni Natale De Grazia serra d’aiello aiello calabro AMANTEA BRUNO GIORDANO CELIO 137 COSENZA LAMEZIA TERME MESSINA NATALE DE GRAZIA PAOLA RADIOATTIVITÀ RICCARDO BOCCA RIFIUTI TOSSICI SAN PIETRO IN AMANTEA SERRA D’AIELLO TIROIDE TUMORI MALIGNI CAPUTO CARDINALE COSTANZO CUNEO D'IGNOTI DI VITA FONTANETTA football INZERILLO nevoloso PALAZZOLO PISTOIA SANSONINI TROIA VASSALLO

permalink | inviato da isolapulita il 15/10/2009 alle 23:40 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
sfoglia     settembre        novembre
 
 




blog letto 1010378 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
TRASPARENZA E PARTECIPAZIONE
AMBIENTE ITALCEMENTI
GESTIONE DEL TERRITORIO
NASCITA DEL COMITATO ISOLA PULITA Comunicati Stampa e riunioni
INTERROGAZIONI PARLAMENTARI
LEGALITA' E ILLEGALITA'
DIBATTITO POLITICO
LEGGI E DECRETI
VITA DI COMITATI
TERRITORIO:LICENZE VARIANTI ABUSIVISMO....
ITALCEMENTI ED ECONOMIA
ISOLA PULITA NELLA SOCIALITA'
EMERGENZA AMBIENTE
DIBATTITO POLITICO Asso di Picche
AMBIENTE SALUTE E ISTITUZIONI
LO SAPEVATE CHE..........
LO SAPEVATE CHE....AMBIENTE
LOSAPEVATE CHE...AMBIENTE E SALUTE
APPELLI E PETIZIONI
POLITICA & VALORI
DIBATTITO POLITICO LA RINASCITA
DIBATTITO POLITICO LA PARTECIPAZIONE DAL FORUM
INTERPELLANZE E INTERROGAZIONI
COMITATI CITTADINI SALUTE E PREVENZIONE
COMITATO ISOLA PULITA LA DELOCALIZZAZIONE
AUTORIZZAZIONI IMPATTO AMBIENTALE
DOSSIER ITALCEMENTI
AZIENDE INSALUBRI E LORO INSEDIAMENTO
D.Lgs152 NORME AMBIENTALI
NORME QUALITA' ARIA D.P.R. 203 24.05.1988
I.P.P.C.
I.P.P.C. ITALCEMENTI BORGO SAN DALMAZZO
FINANZIAMENTI
INTERROGAZIONI PARLAMENATRI AZIENDE INSALUBRI
ISOLA DELLE FEMMINE VARIANTE PRG PREFABBRICATI NORD
URBANISTICA LEGGE REGIONALE 37 1985
SENTENZA AZIENDA INSALUBRE
SITI DI RIFERIMENTO AZIENDE INSALUBRI
I MEDICI E L'AMBIENTE
DECRETO LEGISLATIVO 3 aprile 2006, n.152 Norme in materia ambientale
LA MAGISTRATURA DEL LAVORO ALLA ITALCEMENTI
isola delle femmine in tv
IL MOVIMENTO IN SICILIA
ACCESSO AGLI ATTI TRASPARENZA AMMINISTRATIVA
INTERROGAZIONE PARLAMENTARE SU MORTI PRESUNTE A MONSELICE
ITALCEMENTI T.A.R. SICILIA 24.4.07 NO PET-COKE
ITALCEMENTI SINDACO ARPA ANALISI
ELEZIONI A PALERMO
FAMILY DAY
DICONO DI NOI
ESPOSTO DENUNCIA DI ISOLA PULITA
CONSIGLIO COMUNALE ISOLA DELLE FEMMINE
CONSULENZE COMUNE ISOLA DELLE FEMMINE
PORTOBELLO ISOLA DELLE FEMMINE E P.R.G.
CALLIOPE,ISOLA DELLEFEMMINE
ITALCEMENTI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE ISOLA DELLE FEMMINE
SCIOGLIMENTI CONSIGLI COMUNALI PER INFILTRAZIONI MAFIOSE

VAI A VEDERE

Isola Pulita
Invisibile
Mupa
Isola Possibile
Peppino Impastato
Giro di Vite
Comedonchisciotte
Step 1
Granrifiuto
Comune di isola
Wikio
Epicentro
Calusco
Lasciateci Respirare
ComitatoIsolaPulita
ArcoisTV
Granrifiuto
Ronchi
Nuova Ecologia
CiampolilloPino
Vglobale
RifondazioneSenato
SENATO
LEGGI
LEGGI
Miniambiente
Governo
Miniambiente
Miniambiente
IsolaPulita
WIKIO
REPORT
GUIDA SICILIA
AZIENDE INSALUBRI
RUMORE NORMATIVA
COMUNISTI ITALIANI
KATAWEB
POR 200/2006 SICILIA
PATRIMONIOSOS
EQUOLOGIA
EDILPORTALE
PONTESULLOSTRETTO/ITALCEMENTI
IL CONSIGLIO
IMPATTOAMBIENTALECALUSCO
VITA
PINO CIAMPOLILLO
CENSIMENTO2001
NORMEAMBIENTALI D.LGS 152
NORME QUALITA' ARIA DPR 203
DIFFIDA ITALCEMENTI 20.2.2007
I COMUNISTI
REPORT
ITALCEMENTI LA TORRE
IL QUOTIDIANO
EQUOLOGIA
INDUSTRIE INSALUBRI
INDUSTRIE INSALUBRI
INDUSTRIE INSALUBRI
PATRIMONIOSOS
EMISSIONI
IMPIANTI DI TELEFONIA
I.P.P.C.
I.P.P.C.
LE MANI SUL PONTE
PRG VINCOLI PAESAGGISTICI
PRG VINCOLI PAESAGGISTICI
SPORTELLO UNICO
IPPC 372
NORME TUTELA AMBIENTE
MINISTERO SALUTE
NORMATIVA EDILIZIA
AZIENDE INSALUBRI
NORME AMBIENTALI AZIENDE INSALUBRI
AZIENDE INSALUBRI
SENTENZE AZIENDE INSALUBRI
ATTIVITA' INSALUBRI
ATTIVITA' INSALUBRI PROCEDIMENTO
INSALUBRITA' ISTITUZIONI
NORMATIVA AZIENDE INSALUBRI
I.P.P.C. DIRETTIVA
A.S.I.
RUMORE DIRETTIVA
AZIENDE INSALUBRI
INQUINAMENTO D LGS 59 2005
RUMORE LEGGI
RUMERE LEGGE 195 2005
RUMORE SENTENZE
AMBIENTE SENTENZE
ELETTROMAGNETICO
INQUINAMENTO NORMATIVA
V.I.A. ITALCEMENTI REZZATO
ITALCEMENTI REZZATO
ITALCEMENTI MATERA
BERGAMPO BLOG
P.R.G.
AZIENDE INSALUBRI
AZIENDE INSALUBRI SENTENZE
AZIENDE INSALUBRI/COMUNE
AZIENDE INSALUBRI
AZIENDE INSALUBRI NORMATIVE E SENTENZE
LEGGI
ENTI LOCALI
Vglobal
ELETTROMAGNETICO
LEGGI E DECRETI
LEGGI AMBIENTALI
SENTENZE AZIENDE INSALUBRI/CONGLOMERATO URBANO
SENTENZE LEGGI AMBIENTE
COMINCIAITALIA
LA RINASCITA
RECSANDO
PET.COKE N 82 6.5.02
PET--COKE 7.3.02 N 22
LEGGE 39 1.3.02 OBBLIGHI C.E.
INTER.SENATO4-00514 19.9.06
LEGGI RIFIUTI 22 5.2.97 DIR CEE 91/156
S.I.C. IMPORTANZA COMUNITARIA
CAPO GALLO PROTETTA
CAPO GALLO ISTITUITA RISERVA 24.7.02
RISERVA MARINA CAPO GALLO
ATTIVITA' ESTRATTIVE
V.A.S. 152 3.4.06
PROTEZ.AMBIENT DPR 357 8.9.97
GELA TUMORI
EPER ISOLA
COMITATO VILLANOVA
CONSUMATORI ASSOCIAZIONE
COMUNE ISOLA DELLE FEMMINE
ALBO PRETORIO ISOLA DELLE FEMMINE
CHIMICI
AMIANTO ASSOCIAZIONE
EPIDIEMOLOGIA ASSOCIAZIONE
AMIANTO PETIZIONE
MEDICINA DEMOCRATICA
MEDICI OGGI
MEDICI PER L'AMBIENTE
SENTENZE RUMORE
AMIANTO BONIFICA
ARPA SICILIA
SALUTE CANTIERI
SITI AMBIENTE SICUREZZA
PASSANTE FERROVIARIO
I.P.P.C. NORME E REGOLAMENTI
ELENCO SIC.
I.P.P.C. ITALCEMENTI REZZATO
DIRETTIVA CEE 2003/87
ARIA QUALITA' 351 4.8.99
PM10
ARIA DIAPOSITIVE
INQUINAMENTO LEGGE 59 18.2.05
REDAZIONE IPPC
ITALCEMENTI REZZATO
ITALCEMENTI MATERA
INDUSTRIE INSALUBRI
SITI P.A.
SITI AMBIENTE
AZIENDE INSALUBRI SILVANO DI ROSA
ITALCEMENTI IMP AMBIEN REZZATO
REGOL ELETTROMAGNETICO
INTERROGAZIONE APRLAMENTARE
INCENERITORI
AZIENDE INSALUBRI
INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO
AZIENDE INSALUBRI PROPOSTA LEGGE
C'E' CHI DICE NO
LA RINASCITA
LA RINASCITA
I SITI ISOLA PULITA
DELOCALIZZIAMO
progetto citta' sane
MUPA BLOG
AMMAZZATECI TUTTI FORUM
LA RINASCITA A ISOLA DELLE FEMMINE BLOG
LA RINASCITA DI ISOLA DELLE FEMMINE
LA RINASCITA DI ISOLA
CIAMPOLILLO PINO BLOG
ISOLA PULITA LA STAMPA BLOG
ISOLA PULITA SPLINDER BLOG
ISOLA DELLE FEMMINE LA STAMPA BLOG
RUMORE DIRETT 2002/49/CE
AZIENDE INSALUBRI DEC 1265 27.7.34
INQUINAMENTO L 59 18.2.05
RUMORE LEGGE 447 26.10.05
RUMORE LEGGE 194
RUMORE SENTENZE
L'ACQUARIO DI ISOLA DELLE FEMMINE
KATAWEB FORUM
I CENSURATI FORUM
EFFEDIESSE FORUM
LUOGO COMUNE FORUM
APRILE ONLINE FORUM
IL FULCRO FORUM
VITA FORUM
REPORT FORUM
GUIDA SICILIA FORUM
RADIO RADICALE FORUM
WEBTOOL FORUM
PEPPINO IMPASTATO FORUM
WEBBINO FORUM
WOMENS FORUM
TRIBURELLI FORUM
BLOGOSFERE FORUM
ECOBLOG FORUM
PIPPOLILLO STAMPA
TRAVELBLOG FORUM
QUOTIDIANO FORUM
RETE SICILIA FORUM
GUSTOBLO FORUM
IN TOPIC NOTIZIE
INFORMAZIONE ALTERNATIVA FORUM
PECORARO SCANIO FORUM
MYBOTE FORUM
WEBAGORA FORUM
VERA DEMOCRAZIA FORUM
CILENTANDO FORUM
AMBIENTE SALUTE FORUM
STRETTOINDISPENSABILE FORUM
RONCHI FORUM
SABINA GUZZANTI FORUM
D.N.A. SICILIA FORUM
LIFE GATE FORUM
EDILIZIA BLOG FORUM
LA TRIBU' DI ZAMMU FORUM
VERADEMOCRAZIA FORUM
I CENSURATI
INVISIBILI
PASSANTE FERROVIARIO
SVINCOLO AUTOSTR ISOLADELLEFEMMINE
PETC-COKE
PASSANTE FERROVIARIO
FINANZIAMENTI SITI INQUINATI
DI PIETRO FORUM
SENTENZA NOZIONE RIFIUTO
C'E' CHI DICE NO!
LEGGI BENI CULTURALI
D.Lgs 152/06 ART 269 ATTIVITA' AUTORIZZAZIONE ORDINARIA
EX CASERMA NATO ISOLA DELLE FEMMINE
EX BASE NATO ISOLA DELLE FEMMINE
D. LGS. 4 AGOSTO 1999, N. 372 − ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 96/61/CE
D.G.P. n. 37-13071 del 31 gennaio 2006
AZIENDE INSALUBRI ELENCO
AZIENDE INSALUBRI
RIFIUTI
GIORNALE COMUNI
FUNZIONI MINISTERO
L.I.P.U. AFFIDAMENTO DELLA RISERVA
STATUTO COMUNALE ISOLA DELLE FEMMINE
AZIENDE AINSALUBRI SENTENZE
AZIENDE INSALUBRI ISTRUTTORIA
AZIENDE INSALUBRI ISTRUTTORIA
AZIENDE INSALUBRI ISTRUTTORIA
FUTUROPROSSIMO FORUM
AGENZIA GIORNALISTICA
2004 CAPOGALLO INTERROGAZIONE
I FATTI COMUNICATI
RECSANDO FORUM
COSA RESPIRIAMO E COME RESPIRIAMO
UNA CITTA' A MISURA D'UOMO
LA PRODUZIONE DEL CEMENTO E L'AMBIENTE
INTERROGAZIONE ITALCEMENTI
RIFONDAZIONE SENATO
RIFONDAZIONE CAMERA
INTERROGAZIONI ITALCEMENTI
2001INTERROGAZIONE INCENERITORI
SCACCO AL RE
lLA TORRE FORUM
INTERROGAZIONE SENATO
LA RINASCITA FORUM
LA DELOCALIZZAZIONE FORUM
I COMUNISTI
INTERROGAZIONE AZIENDE INSALUBRI
POLVERI ULTRAFINI-NANOPARTICELLE/MOLLECOLE CELLULE
POLVERI ULTRAFINI NANOPARTICELLE
EPIDEMIOLOGIA - INCENERITORI
LEGGI CONDONI REGIONALI
ATENEO PALERMO
LA PRODUZIONE DEL CEMENTO
CEMTIFICI BRUCIARE E NON DISTRUGGERE
LA FOTOCATALISI
CEMENTO E AMBIENTE
2001INTERROGAZIONE INCENERITORI
INTERROGAZIONE AZIENDE INSALUBRI PECORARO SCANIO
VARIANTE PREFABBRICATI NORD AZIENDA INSALUBRE
RADDOPPIO BINARIO
I CANTIERI DELLA SALUTE
DELOCALIZZIAMO
COMITATI CIVICI REZZANO
PARLAMENTO E AZIENDE INSALUBRI
IPPC ITALCEMENTI BORGO SAN DALMAZZO
DIFFIDA ITALCEMENTI 20.2.2007
TRASPARENZA PARTECIPAZIONE ACCESSO
PARTECIPAZIONE TRASPARENZA ACCESSO
TRASPARENZA PARTECIPAZIONE ACCESSO
CITTA' PER L'UOMO
ATTIVITA' ESTRATTIVE
P.R.G. ROMETTA
SENTENZA ABUSIVISMO EDILIZIO
GOOGLE NEWS
PUBBLICA AMMINISTRAZIONE
Legge Regionale 14 aprile 2006, n. 14 materia forestale
D.G.P. n. 663-358472 del 23 novembre 2004D. LGS. 4 AGOSTO 1999, N. 372
Principali normative in materia di Tutela dell'ambiente
MINISTERO DELLA SALUTE
GAZZETTA UFFICIALE
DECRETO 25.3.2005 ELENCO SIC PROPOSTI
CIRCOLARI in materia edilizia e urbanistica
AMBIENTE E SALUTE
DIOSSINE NEL SANGUE
IL PONTE SULLO STRETTO E GLI AFFARI
AUDIZIONE INQUINAMENTO
DIRETTIVA EUROPEA IPPC
CONSORZI A.S.I.
P.R.G. ISOLA DELLE FEMMINE
CLASSIFICAZIONE AREA INDUSTRIALE ISOLA DELLE FEMMINE
ALBERGHI ISOLA FINANZIAMENTI
I SETTE SINDACI ELETTI
P.R.PORTO ISOLA DELLE FEMMINE
ITALCEMENTI DELOCALIZZATA
DEPURATORE AREA INDUSTRIALE CARINI
P.R.G. CONTRIBUTO ISOLA DELLE FEMMINE
COMUNI COMPRESI NELLE AREE DI CRISI LEGGI 181/89 e 513/93
BANDI DI GARA
FINANZ PORTO L.11 febbraio 1994, n. 109 L.R. 02/08/2002 n. 7 e L.R. 19/05/2003 n. 7
PROTOCOLLO DI GELA
LE MANOVRE DI CUFFARO
INTERROGAZIONI E LEGGI
INTERROGAZIONE PAG 63-4-5
LA STAMPA
P.R.G. ART 9 L.R. 37 1985
DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI E PARTECIPAZIONE
ACCESSO A.R.P.A AGLI ATTI AMMINISTRATIVI E PARTECIPAZIONE
ACCESSO AGLI ATTI D.P. N 12 GIUGNO 1998
BLOGITALIA
P.R. PORTO ISOLA
VINCOLI URBANISTICI
FEED LIST
sentenza azienda insalubre
SENTENZA AZIENDA INSALUBRE
SENTENZA AZIENDA INSALUBRE
FIRMA LA PETIZIONE CLICCA QUI
LETTERA APERTA AL SINDACO PORTOBELLO
SITI AZIENDE INSALUBRI
PARTECIPAZIONE
ITALCEMENTI VIDEO
PARTECIPAZIONE VIDEO
VIDEO PETIZIONE
VIDEO PARTECIPAZIONE
VIDEO ITALCEMENTI
POLVERI ULTRAFINI E NANOPARTICELLE
MONITORAGGIO POLVERI ULTRAFINI E NANOPARTICELLE
CONTEGGIO E CARATTERIZ POLVERI ULTRAFINI E NANOPARTICELLE
EFFETTI POLVERI ULTRAFINI E NANOPARTICELLE
EFFETTI2 POLVERI ULTRAFINI E NANOPARTICELLE
NANOPATOLOGIE
SORVEGLIANZA AMBIENTALE
MEDICINA E AMBIENTE
I MEDICI CON LA SALUTE E L'AMBIENTE
Luogo Comune Forum
LA REHGIONE E LA POLITICA
iTALCEMENTI E ISTITUZIONI
LA RINASCITA
ACCESSO (SENTENZE) ATTI IN MATERIA AMBIENTALE
SENTENZA ACCESSO ATTI AMBIENTALI
MEDICINA PER L'AMBIENTE
MINISTERI E ISTITUZIONI SITI
Monica Frassoni
PET-COKE
Monica Frassoni
AZIENDE INSALUBRI PRG
ACQUARIO MARINO
MEDICI IN PRIMA LINEA
MEDICINA E AMBIENTE
V.I.A. IMPATTO AMBIENTALE
PARTECIPAZIONE E TRASPARENZA
PARTECIPAZIONE ETRASPARENZA
LA RINASCITA
LA RINASCITA FORUM
I FATTI COMUNICATO
ELEZIONE SINDACO
SERVIZIO V.I.A.
DECRETO LEGISLATIVO 152
NORME AMBIENTALI
POLVERI ULTRAFINI
PRG
IL QUOTIDIANO
QUOTE EMISSIONI AZIENDE SICILIANE
SENTENZA AMBIENTE
V.I.A. NORMATIVA
V.I.A. DOCUMENTAZIONE
SENTENZA AZIENDA INSALUBRE
REPORT COMUNICATI
PUPIA TV
RAI FORUM
VIDEO DI CEMENTO SI MUORE
V.I.A. NORME E DECRETI
MAGAZINE FORUM
VIDEO MASTROGIACOMO
MAGISTRATURA DEL LAVORO ITALCEMENTI
PUPIA TV
GENCHI KETCHUP FORUM
PIAN DELL'AIA TRE-FINAITE
LIFE FORUM
GIRO DI VITE
A.A.A. QUANDO I BAMBINI FANNO OH!
A.A.A. EMERGENZA PIANETA
RUMORI VIBRAZIONI LEGGI
P.R.G.Sicilia. LR 27 dicembre 1978, n. 71
POSITANO FORUM
SABINA GUZZANTI FORUM
ITALCEMENTI MONSELICE
ITALCEMENTI E COMBUSTIBILI
ITALCEMENTI E MAGISTRATURA
ITALCEMENTI E MAGISTRATURA
ITALCEMENTI E MAGISTRATURA
I FATTI COMUNICATI
WOMENEWS
APRILEONLINEFORUM
ITALIA ALTERNATIVA FORUM
CAVE ESTRAZIONI BENEI CULTURALI
RAI FORUM
ITALCEMENTI E TERRITORIO
ITALCEMENTI E AMIANTO
AMBIENTE SALUTE FORUM
SITI INQUINATI
ISOLA GARE ILLUMINAZIONE
COMUNICATI
CORTE COSTITUZIONALE
VIDEO ACQUA
RAI
SKYSCRAPERCITY FORUM
LA MAGISTRATURA DEL LAVORO
DECERTO S.I.C.
ISOLA IN TV
LA VITA IN DIRETTA
ELENCO AZIENDE INSALUBRI
PET-COKE AMBIENTE GELA
CONDACONS AMBIENTE RICHIESTA DANNI
PET-COKE M.P.A. LOMBARDO
VIDEO ITALCEMENTI BY NIGHT
VIDEO ITALCEMENTI DIFFIDATA
VIDEO ITALCEMENTI
VIDEO NANOPARTICELLE
VIDEO NANOPATOLOGIE
VIDEO NANOPATOLOGIE B
VIDEO NANOPATOLOGIE E
VIDEO NANOPATOLOGIE F
VIDEO NANOPATOLOGIE C
PET-COKE CODACONS RICHIESTA DANNI
PET-COKE LEGAAMBIENTE
NATURA 2000 SIC IMPORTANZA COMUNITARIA
2001 INTERROGAZIONE INCENERITORI
IL MIO TG
I FATTI


Nome: Pino Ciampolillo Comitato Cittadino Isola Pulita Aderente alla Sezione di Palermo di Legambiente e referente Coordinamento Comitati Cittadini Siciliani Registrato il 19.01.07 presso l'Agenzia delle Entrate Ufficio di Augusta (SR) al n° 60 Serie 3° Atti Privati Protocollo 2007001030, n° progressivo 2007000376. L’Associazione costituita esclusivamente per fini di solidarietà, ai sensi dell’art. 2 della legge 11/7/91 n 266 e della legge regionale 7/6/1994 n 22. Informazioni specifiche ex L. 62/01 L'informazione pubblicata su questo sito è no profit. L'aggiornamento avviene secondo la disponibilità dei testi. Questo sito web non contiene informazioni aggiornate con cadenza periodica regolare, e non può pertanto essere pertanto considerato "giornale" o "periodico" o comunque “prodotto editoriale” ai sensi della legge 62/01. Inoltre secondo l'art. 28 della legge 69/63, il direttore responsabile delle riviste a carattere tecnico, professionale o scientifico non deve essere necessariamente iscritto all'albo dei giornalisti.

CERCA